Taj Mahal: patrimonio UNESCO e splendida architettura

Il Taj Mahal è da sempre considerato una delle bellezze dell’architettura musulmana in India.

Tempo di lettura: 4 min.

Taj Mahal, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Taj-Mahal-indianiIntorno al Taj Mahal sono emerse nel corso degli anni molte interessanti verità rendendolo oggi in India una meta di milioni di visitatori interessati a questo mausoleo ispirato dall’amore e dalla bellezza.

Il Taj Mahal fu fatto costruire ad Agra nel 1632 dall’imperatore Shah Jajan in onore e memoria di sua moglie Arjumand Banu Begum, conosciuta come Mumtaz Mahal. Fu la sua terza moglie e morì a soli 40 anni dando alla luce il loro quattordicesimo figlio, dopo oltre 30 ore di travaglio.

Le quattro torri o minareti, sono state costruite appositamente molto lontane dalla struttura principale per motivi di sicurezza, assicurando infatti in caso di crollo di una di esse, di non compromettere la parte centrale dove è custodita la tomba di Mahal.

Il giardino esterno, ornato in origine con rose e narcisi, fu modificato con uno stile prettamente britannico, durante il dominio dell’Inghilterra in India.

Il rispetto all’ingresso del Taj Mahal è dovuto, oltre all’essere un mausoleo anche alla presenza al suo interno di una moschea. Rimane infatti chiuso il venerdì di preghiera.

La legenda racconta che tutti gli artisti ed architetti coinvolti nell’opera furono uccisi in seguito al completamento del Taj Mahal per impedire loro di costruire un’altra opera di altrettanta bellezza. In realtà secondo molti storici, essi furono semplicemente invitati a firmare dei contratti proprio ad evitare la costruzione di altre opere di tale ricchezza artistica.

La costruzione iniziò nel 1632 e si completò nel 1653, dopo circa 23 anni.

L’architetto che curò la costruzione del Taj Mahal fu Ustad Ahmad Lahauri, non indiano ma bensì di origine persiana.

Secondo la tradizione islamica, che fa divieto di decorare le tombe, Shah Jahan e sua moglie, sono stati sepolti in una “sobria” cripta posta sotto la sala principale del Taj Mahal.

Appena fuori dal Taj Mahal, sono state sepolte anche altre mogli di Shah Jahan ed anche il suo servo prediletto.

Il costo stimato per la costruzione del Taj Mahal è di circa 32 milioni di Rupiae indiane, per un equivalente di circa 1 miliardo di euro.

Sul lato ovest fu costruita una struttura con l’obiettivo finale di utilizzo come guest house.

Oltre 100 elefanti sono stati usati per il trasporto di materiali e forniture per la costruzione.

28 tipi di pietre preziose e semi preziose adornano i marmi bianchi del Rajastan. Turchesi tibetani e giade della vicina Cina.

La stima è di circa 20.000 lavoratori reclutati da tutta l’Asia per la costruzione della splendida struttura.

In seguito al completamento del Taj Mahal, Shah Jahan fu messo agli arresti domiciliari nel 1658 dal figlio, Aurangzeb. Shah Jahan fu solo in grado di vedere il Taj Mahal dalla sua finestra per gli ultimi otto anni della sua vita.

Per confondere i piloti tedeschi, giapponesi e pakistani durante diversi bombardamenti, furono appositamente costruite false strutture e ponti nelle prossimità del Taj Mahal.

Il marmo all’origine bianco si sta trasformando nel tempo in giallo a causa del forte inquinamento che interessa Agra come tutta l’India. Nei pressi della struttura è consentito il passaggio a soli veicoli elettrici per contenere il più possibile il tasso d’inquinamento.

Il mantenimento della struttura è inoltre minacciato dalle fondamenta situate su una sorgente d’acqua. Alcuni minareti purtroppo hanno già iniziato ad inclinarsi.

Il Taj Mahal è stata dichiarata una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo nel 2007, ricevendo più di 100 milioni di voti.

Nel 2008, un regista del Bangladesh, ha costruito una replica del Taj Mahal ad un costo di circa 50 milioni di euro, per consentire ai suoi connazionali meno abbienti di godere delle bellezze di quest’opera senza viaggiare fino in India. Per la costruzione della replica sono state utilizzate moderne attrezzature ed è stata completata in 5 anni.

Un Hotel di lusso ed uno Shopping Mall ispirato al Taj Mahal, sono in costruzione a Dubai. Il costo stimato è di 1 miliardo di euro, sarà quattro volte più grande dell’originale e verrà chiamato Taj Arabia.