Il tunnel stradale più lungo al mondo

E’ il tunnel stradale più lungo al mondo: Il Tunnel Lærdal, in Norvegia.

Tempo di lettura: 3min.

Il tunnel unisce le città di Oslo e Bergen.

tunnel-laerdal

Abbiamo provato sicuramente tutti a trattenere il respiro attraversando in macchina una galleria. Farlo attraversando il tunnel di Lærdal in Norvegia, è impresa impossibile! Questo tunnel è attualmente il più lungo al mondo, percorribile in auto.

La sua lunghezza.

Il tunnel è lungo 24 chilometri. In condizioni di traffico regolare e ad una velocità di 80 km./h, si impiega circa 18 minuti per attraversarlo.

Costruzione.

La costruzione della galleria iniziò nel 1995, per facilitare gli spostamenti tra le due città di Oslo e Bergen. In particolare d’inverno infatti, le altre strade alternative percorribili erano molto insidiose, tra le montagne coperte di neve. D’estate si poteva far uso dei traghetti attraverso i fiordi ma, con notevole dispendio di tempo. Il tunnel fu aperto nel 2000, dopo 5 anni di costruzione. Furono estratti oltre 2,5 milioni di metri cubi di roccia. Per frantumare 500 metri cubi di roccia sono stati necessari circa 100 fori profondi 5,2 metri e 500 chilogrammi di esplosivo. Le squadre hanno proceduto con un ritmo di 60-70 metri alla settimanaUna volta frantumata la roccia e trasportata verso l’esterno le pareti sono state rinforzate mediante bulloni di acciaio e calcestruzzo rinforzato con fibre. Il costo totale per la sua costruzione fu di circa 100 milioni di Euro. Oggi viene attraversato da più di 1000 auto al giorno. Il transito non richiede pagamento di alcun pedaggio.

Sicurezza.

Il tunnel è estremamente sicuro. Anche coloro che hanno paura del buio, supereranno le loro angosce. Molto particolare infatti è l’illuminazione di questa galleria. Le luci sono colorate e contribuiscono a ridurre la stanchezza. Sembra quasi una cattedrale! Le curve sono molto dolci ed anche queste contribuisce alla sicurezza. Ogni 500 metri sono situate piazzole d’emergenza. Numerosi autovelox contengono la velocità ed i rischi connessi. Oltretutto se si esce dalle corsie ci sono dei “rallentatori acustici”. Indispensabili per evitare i colpi di sonno. La galleria è suddivisa in quattro tratte separate da tre grandi caverne nella montagna, che interrompono la monotonia e permettono agli automobilisti di effettuare una sosta.

Qualità dell’aria.

Per garantire la circolazione di aria pulita, sono stati posizionati 32 ventilatori nella parte sud che spingono l’aria pulita in ingresso verso una galleria di ventilazione. Questa funge da canale di sfogo per l’aria inquinata intrappolata nel tunnel. Sensori all’interno della galleria monitorizzano la qualità dell’aria e regolano il funzionamento dell’intero sistema di ventilazione. In caso di inquinamento elevato sono stati posizionati due grandi ventilatori, con una capacità massima complessiva di 1,7 milioni di metri cubi all’ora.