10 curiosità sulle stelle marine

Le stelle marine sono animali bellissimi, presenti in tutti i mari del mondo. Possono avere varietà di forme, dimensioni e colori. Le più appariscenti sono quelle che abitano i mari tropicali.

Tempo di lettura. 3 min.

Le stelle marine fanno parte della classe Asteroidea.

stelle marine arancio

Il nome comune di questo animale deriva dalla forma più diffusa a forma di stella. Alcune sembrano essere lisce al tatto ma in realtà tutte hanno delle spine più o meno pronunciate. Le spine ricoprono l’intera superficie superiore. La superficie inferiore invece è più morbida ed ospita i cosiddetti pedicelli.

Scopriamo insieme alcune caratteristiche delle stelle marine.

1. Non sono pesci.

Pur vivendo sott’acqua, le stelle marine non si possono considerare pesci, non avendo ne branchie ne pinne per muoversi. Mentre il propulsore dei pesci è la coda, le stelle marine usano i pedicelli per muoversi sul fondo. Non potendosi staccare dal fondo fa parte dunque degli organismi bentonici.

stelle marine bianche2. Le stelle marine sono Echinodermi.

Le stelle marine appartengono ai Phylum Echinodermi. Imparentate dunque con ricci di mare, cetrioli di mare, stelle fragili e crinoidi. Come tutti gli Echinodermi, gli individui adulti presentano una simmetria radiale. Il corpo, ricoperto da piastre calcaree,  ha cinque o più sezioni disposte intorno ad un disco centrale. Fateci caso la prossima volta che vi capita di osservare una stella marina o un riccio. Evitate però di acquistarle dalle bancarelle dei mercatini!

3. Ci sono migliaia di specie di stelle marine.

Sono state classificate oltre 2000 specie di stelle marine. Alcune vivono nella zona intertidale, quella che emerge con le basse maree. Altre vivono in acque molto profonde. Poi ci sono le specie tropicali e quelle che abitano i mari molto freddi.

4. Non tutte le stelle hanno 5 braccia.

Le stelle marine a 5 braccia sono le più diffuse e più conosciute. Esistono però anche varietà con molte più braccia. Un esempio è la “stella corona di spine” o la “stella sole” che può contare fino a 40 braccia.

5. Possono rigenerare un braccio perduto.

Perso un braccio in seguito all’attacco di un predatore, la stella marina sarà in grado di farne crescere uno nuovo. La ricrescita di un braccio può durare anche un anno. Contenendo ogni braccio organi vitali, ognuno di questi può dar vita anche ad una stella nuova.

6. Sono protette da armature.

A seconda delle specie, la parte superiore delle stelle marine può essere liscia o pungente. Tutte hanno un rivestimento di piastre di carbonato di calcio e piccole spine sulla loro superficie. Le spine, a volte anche lunghe come quelle dei ricci, fanno da protezione per i predatori. Le stelle marine sono infatti sul menù di uccelli, pesci e lontre. La “stella corone di spine” è tra quelle più dotate di aculei.

stelle marine sabbia7. Non hanno il sangue.

 

Come tutti gli echinodermi, all’interno del corpo non hanno sangue. Sono dotate di un sistema di canali acquiferi. Attraverso questi canali le stelle marine sono in grado di respirare, catturare le loro prede e muoversi sul fondo.

8. Si muovono usando i pedicelli.

Ogni pedicello si allarga a formare una piccola sacca o ampolla, che termina con una ventosa. Attraverso i canali acquiferi, l’acqua viene pompata dentro e fuori il pedicello. Questo alternativamente aderisce al fondo quando è pieno di acqua e se ne distacca quando è vuoto. In questo modo le stelle marine riescono a muoversi sul fondo. Ma non pensiate che siano così lente!

9. Possono rovesciare lo stomaco all’esterno della bocca.

La bocca si trova sul lato inferiore a contatto con il fondo. Tra le sue prede cozze, vongole, lumache e piccoli pesci. Piccole prede possono essere ingoiate intere. A volte invece le stelle marine rovesciano il loro stomaco all’esterno della bocca. Lo stomaco viene fatto aderire all’animale, anche di grandi dimensioni, che viene così digerito all’esterno. Questo meccanismo consente alle stelle marine di mangiare prede più grandi di quanto sarebbero altrimenti in grado di ingerire attraverso la bocca.

10. Hanno gli occhi.

Le stelle marine sono dotate di minuscoli occhi sulla punta di ogni braccio, che conferiscono loro capacità visiva.  La vista è sicuramente poco precisa e stimata intorno ai 200 pixel. Malgrado ciò, attraverso questi occhi le stelle marine sono in grado di percepire luce e buio. E’ cosi che riescono anche a muoversi nel loro habitat in direzione del cibo, garantendone la sopravvivenza. Per saperne di più leggete questa ricerca del biologo marino Anders Garm.